B. Bellini, Comprensione storica e agire politico. Risvolti didattici di un nesso funzionale all’orientamento nel mondo

Autore: | Rubrica: Ricerche | 93 Visite No comments

Abstract

In questo saggio ci interrogheremo sul significato dell’agire politico al fine di mostrare come il suo raggio di competenza sia ben più ampio e generale di quanto comunemente attribuito. Questo allargamento semantico della sfera d’azione della politica ci permetterà di comprendere che il fondamento dell’agire politico si identifica con ciò che Hannah Arendt chiama “natalità”, concetto che consente di afferrare il nesso che inequivocabilmente lega la sfera politica a quella dell’agire e a quella della storia. L’appello alla posizione di Arendt ci permetterà di proporre una tesi in merito al significato del comprendere storico ed al ruolo fondamentale che vi giocano le ragioni, proprio a partire dal nesso imprescindibile che lega la comprensione storica alla dimensione dell’azione politica: in tale ottica si verrà a delineare il ruolo della comprensione storica in una cornice educativa e didattica.

Abstract (english)

This paper aims to investigate the meaning of the political action so as to “stretch” its influence and grasp its bedrock, namely what Hannah Arendt refers to as “natality”. This concept will enable us to find the nexus that links the political dimension with the historical one. By appeal to Arendt’s stance, we will manage to argue for a new thesis concerning the meaning of the historical comprehension and the pivotal role that reasons play in such a process. Our reflection upon history, natality and politics will bring to light the link with the educational sphere: teaching history means teaching that human beings are free and, subsequently, that every effort of historical comprehension has to rely upon a perspective focused on reasons – instead of causes and effects – and natality – instead of necessity.