Giulia Salzano, Fenomenologia del digitale. Reale e virtuale nel prisma del pensiero schütziano

Autore: | Rubrica: Questioni | 142 Visite No comments

Abstract

Lo strumentario concettuale di Alfred Schütz offre importanti spunti a partire dai quali poter sviluppare un’analisi differenziata delle esperienze digitali mettendone in evidenza le molteplici declinazioni e i diversi gradi di implicazione con il mondo di tutti i giorni. Attraversando alcuni luoghi del pensiero schütziano e i principali studi nell’ambito della realtà virtuale che mobilitano il quadro teorico del sociologo viennese, il presente articolo proporne una lettura socio-fenomenologica del digitale focalizzando il ruolo che esso svolge nei processi di costituzione delle strutture di senso del mondo sociale e del dato per scontato.

Abstract (english)

Alfred Schütz’s conceptual toolbox offers important insights from which it is possible to develop a differentiated analysis of digital experiences, highlighting their multiple declinations and different degrees of implication with the everyday world. By retracing some aspects of Schützian thought and the main studies that mobilise the theoretical framework of the Viennese sociologist in the field of virtual reality, the article proposes a socio-phenomenological analysis of the digital, focusing on the role it plays in the processes of meaningful construction of the social world and the taken for granted.