Guido Cassinadri, Strauss’ analysis of the Platonic Socrates in the conflict between philosophy, religion, and politics

Autore: | Rubrica: Ricerche | 846 Visite No comments

Abstract

L’obiettivo di questo articolo è analizzare l’interpretazione di Strauss del Socrate platonico, innanzitutto come figura rappresentativa di Atene, opposta al polo religioso di Gerusalemme, e in secondo luogo come figura chiave della relazione tra filosofia e politica. Nel pensiero filosofico di Strauss, Socrate è infatti un simbolo cruciale della relazione tra ragione e rivelazione, filosofia e politica. Analizzerò la prima opposizione attraverso il confronto tra i profeti della tradizione ebraica e la rappresentazione di Socrate presente nell’Apologia; mentre l’opposizione tra filosofia e politica si basa sull'interpretazione di Strauss della Repubblica di Platone. Considererò principalmente i testi di Strauss Progresso o Ritorno, Gerusalemme e Atene, La Città e l’Uomo e Il Problema di Socrate e argomenterò che attraverso la figura di Socrate emergono i conflitti presenti anche in Strauss tra ragione e rivelazione da un lato e filosofia e politica dall'altro.

Abstract (english)

The aim of this paper is to analyse Strauss’ interpretation of the Platonic Socrates, firstly as the representative figure of Athens, opposed to the religious pole of Jerusalem, and second as a key figure of the relation between philosophy and politics. In Strauss’ philosophical thought, Socrates is in fact a crucial symbol of the relation between reason and revelation, philosophy and politics. I will analyse the first opposition through the comparison between the prophets of the Jewish tradition and the depiction of Socrates in Plato’s Apology; while the opposition between philosophy and politics is based on Strauss’ interpretation of Plato’s Republic. I will mainly consider Strauss’ texts Progress or Return, Jerusalem and Athens, The City and the Man and The Problem of Socrates and I will argue that through the figure of Socrates emerges Strauss’ inner conflicts between reason and revelation on one hand and philosophy and politics on the other.