M. Marras, Abnegazione, dignità e rispetto di sé. Il femminismo liberal di Jean Hampton

Autore: | Rubrica: Ricerche | 516 Visite No comments

Abstract

Il concetto di rispetto di sé gioca un ruolo fondamentale nella filosofia di Jean Hampton. Attraverso l’analisi di alcuni scritti a carattere squisitamente femminista, composti nei primi anni Novanta, il saggio si concentra sulla necessità di considerare le relazioni intime come problemi politici. Le asimmetrie presenti in tali relazioni, che impediscono una vera e sostanziale uguaglianza tra uomini e donne, deriverebbero, secondo Hampton, da un deficit di rispetto di sé, dall’incapacità di attribuire a se stessi il medesimo valore che si riconosce agli altri. I sentimenti e il senso del dovere ostacolano il pieno sviluppo dell’individuo (e soprattutto delle donne). La proposta di Hampton è quindi un contratto femminista, valido per le relazioni affettive.

Abstract (english)

The concept of self-worth plays a crucial role in Jean Hampton’s philosophy. Through the analysis of some feminist papers, written in the early Nineties, the essay focuses on the need to consider intimate relationships as political issues. According to Hampton, asymmetries in these relationships, which prevent a real and substantial equality between men and women, result from a deficit of self- respect, that is the inability to accord to oneself the same worth one accords to the others. Feelings and a sense of duty impede the full development of the individual (and especially women). Hence Hampton’s proposal is a feminist contractarianism, valid for intimate relationships.