P. Poirier, Cittadini europei e populismo europeo: quali democrazie dopo le elezioni europee del 2014?

Autore: | Rubrica: Questioni | 839 Visite No comments

Abstract

Il populismo politico ha trovato, all’interno dell’attuale crisi che sta investendo la fiducia nella democrazia rappresentativa e nei principali soggetti istituzionali europei, terreno fertile per guadagnare consenso ed elettori, come dimostrato dalle più recenti elezioni del 2014. Obiettivo del mio saggio è analizzare i motivi del risorgere e del successo di tali movimenti e partiti politici, con particolare riferimento alla loro costante critica e delegittimazione operata nei confronti delle autorità e delle politiche comunitarie: analizzando le tendenze euroscettiche e i sempre più diffusi progetti di identitarismo, sovranismo e localismo, intendo pertanto descrivere secondo quali modalità i “populismi” europei declinino le idee di democrazia e governance e gestiscano i rapporti tra governi e realtà nazionali, da una parte, e istituzioni europee dall’altra. Un’analisi, questa, che ritengo importante per comprendere quali possano essere le possibili soluzioni per arginare l’avanzata dei populismi, tramite la ricostruzione di una “racconto” politico di stampo europeista all’interno del quale i cittadini possano riconoscersi.

Abstract (english)

In the crisis which is presently hitting the faith on the representative democracy and on the main European institutional subjects, the political populism is finding a fertile ground on which gain both agreement and voters, as demonstrated by the most recent elections of 2014. This essay’s goal is to analyse why those movements and political parties are raising and having success, especially referring to the permanent critic and demonization moved against authorities and EU policies. Analysing the Euro-sceptic and the always more common projects dealing with identitarism, soveranism and localism, my aim is then to describe in which ways European populisms interpret the concepts of democracy and governance and how they manage the relationships between governments and national realities and, on the other side, European institutions. I believe that this analysis is very important to understand which may be the possible solutions to control the populisms’ advance, through the reconstruction of a new political “tale” where citizens may recognize themselves.