F. Domenicali, Per una rifondazione della “comunalità”. Comunità di prova e comunità d’azione in Pierre Rosanvallon

Autore: | Rubrica: Ricerche | 534 Visite No comments

Abstract

In uno dei suoi ultimi lavori Pierre Rosanvallon ha proposto di ripensare la nozione di uguaglianza alla luce del principio di «comunalità» intesa in un senso prettamente politico e civile. Nel presente contributo intendo approfondire questa concettualizzazione, sviluppando la mia analisi in tre tempi: 1) dapprima concentrandomi sulla definizione del concetto di comunalità e sui suoi rapporti con la più tradizionale concezione della comunità; 2) in un secondo momento, prenderò in considerazione le attuali trasformazioni attraversate dai concetti di popolo e individuo, in modo da ridefinire negativamente le comunità del nostro tempo in termini di comunità di prova; 3) infine approfondirò l’indispensabile trasmutazione che queste ultime debbono affrontare per divenire positivamente delle comunità d’azione, dotate cioè della capacità politica di modificare lo status quo. Nelle conclusioni farò riferimento a una comprensione allargata dell’idea di comunalità così da delineare l’orizzonte di una democrazia non più concepita soltanto come regime di governo ma anche come forma di società.

Abstract (english)

In one of his last works Pierre Rosanvallon proposed to rethink the notion of equality in the light of the principle of «communality» in sense purely political and civil. In this contribution I intend to deepen this view, and I will develop my analysis in three stages: 1) at first, focusing on the definition of the concept of communality and its relationship with the more traditional conception of the community; 2) later, I will consider the current transformations of the people and individual concepts, in a way that negatively redefine communities of our time in terms of test communities; 3) finally I will analyze the essential transmutation that they have to face in order to become positively the communities of action, with the political capacity to change the status quo. In the conclusions I will refer to an enlarged understanding of the idea of communality and I try to develop the horizon of a democracy no longer conceived only as a system of government, but also as a form of society.